"Swaziland" di Krisanne Johnson tra i progetti sostenuti dal 2010 Emergency Fund dalla Magnum Foundation

I Love You Real Fast © Krisanne Johnson, Prospekt

Diventare maggiorenni è un traguardo arduo per tutti, ma in paesi africani come lo Swaziland, piccolo, povero e retto da una monarchia assoluta, diventa un’impresa titanica che molte ragazze, con un’aspettativa di vita che raramente supera i 30 anni, non riescono a superare.

Aids, povertà, abusi, violenze sessuali, una consolidata tradizione poligamica e un’attitudine sessuale improntata al machismo, abbassano notevolmente le aspettative di vita e rendono l’esistenza di queste ‘bambine adulte’ un vero travaglio, che spesso le priva della vita ma non della voglia di vivere.

Da anni la giovane fotografa americana Krisanne Johnson, rappresentata in Italia da Prospekt, dedica un suo progetto personale in progress all’argomento, un progetto lungo e laborioso per un fotografo indipendente, anche se già premiato con il World Press Photo, Pictures of the Year International and the Best of Photojournalism e il the Getty Images Grant for Editorial Photography per il progetto "I Love You Real Fast" nel 2009.

Un progetto sullo Swaziland che Krisanne Johnson potrà portare avanti grazie all'Emergency Fund della Fondazione Magnum, il fondo stanziato a sostegno dei lavori di fotografi indipendenti che documentano tematiche critiche non trattate dai mass media.

Krisanne Johnson è infatti una delle vincitrici del 2010 Emergency Fund, insieme a Christopher Anderson, Jonas Bendiksenì, Cedric Gerbehaye, Bruce Gilden, Saiful Huq Omi, Sohrab Hura, Alex Majoli, Karen Mirzoyan, Dominic Nahr, Simon Norfolk, Louie Palu, Paolo Pellegrin, Gilles Peress, Eugene Richards, Larry Towell, Shehab Uddin, Geert van Kesteren, Kadir van Lohuizen e Wang Yishu ... tutti sguardi che vale la pena sostenere, e progetti che forse non cambieranno il mondo ma possono cambiare noi ...

  • shares
  • Mail