Photoquai 2013, la Biennale delle immagini del mondo sulle rive della Senna

E' cominciata ieri l'edizione 2013 di Photoquai, la quarta dal lancio dell'iniziativa avvenuto nel 2007.



E' partita l'attesa Photoquai 2013 (identificata dalla sigla PHQ4) e a coloro che si troveranno ad incatenare passi nei pressi del sentiero acquatico della capitale francese, restano 60 giorni giusti per inoltrarsi nei piccoli cammini, a tratti poco battuti, che compongono la diversa compagine della fotografia emergente e diventeranno probabilmente, gli obiettivi di riferimento del domani, lanciando talenti e correnti, come già avvenuto nel 2007, 2009 e 2011. Per adesso a far da guida in quello che può apparire come un ordinato marasma creativo c'è una bella agenda
Photoquai 2013 | la Biennale delle immagini del mondo sulle rive della Senna, affiche
Per gestire l'enorme afflusso di immagini e progetti, Frank Kalero, direttore artistico della PHQ4, ha scelto di circondarsi di un équipe di otto curatori professionisti, esperti di prospettive estetiche e sociali mondiali, molti dei quali fotografi in prima persona, letteralmente le sue antenne sguinzagliate per captare segni dell'altrove da riportare sulle rive della Senna. E la scommessa sembra proprio riuscita dato il risultato ottenuto a partire dai 200 portfolio proposti. Scoperte esposte lungo le prospettive urbane della Senna, ma anche nei giardini del musée du quai Branly, e visibili gratuitamente fino al 17 novembre 2013. Africa, Asia, America Latina, Medio Oriente, ma anche ex-Unione Sovietica, Australia, Cina ed Estremo Oriente gli scenari di una manifestazione che attraversa costantemente le frontiere per riconoscere diversità e pulsazioni con uno spirito che non è solo animato dalle spinte antropologiche, ma si nutre di pura curiosità umana.
Photoquai 2013 | la Biennale delle immagini del mondo sulle rive della Senna, ©Rogguo Gao
E se alle 17 di sabato 21 settembre 2013 sarà proprio Kalero ad indicare, presso il Salon de lecture Jacques Kerchache, le direttrici del suo lavoro, durante tutto l'evento mediatori culturali specializzati in fotografia saranno disponibili per illustrare le immagini e proporre agli interessati percorsi di visita adattati, sentieri nel bosco fitto delle fotografie esposte.


Via | photoquai.fr/2013

  • shares
  • Mail