Werner Bischof in mostra a Torino fino al 16 febbraio 2014

Il fotografo svizzero Werner Bischof è in mostra a Torino a Palazzo Reale fino a febbraio 2014

Bischof

Werner Bischof è in mostra a Torino, questa cittadina piemontese dopo aver ospitato Henri Cartier-Bresson e Robert Capa adesso sceglie il celebre fotografo svizzero del 20esimo secolo, scomparso giovanissimo a seguito di un incidente. Werner Bischof è un fotoreporter dell'agenzia Magnum diventato famoso per i suoi reportage poetici e per la delicatezza dei suoi lavori.

Werner Bischof è scomparso nel 1954 a soli 38 anni in un fatale incidente d'auto sulle Ande peruviane, l’ultimo lavoro che è riuscito a consegnare alla storia è la foto con il ragazzino che suona il flauto dalle parti di Cuzco. La mostra è stata inaugurata qualche settimana fa e resterà aperta fino a febbraio 2014, se potete andare, cercate di non perdervela, è un’occasione preziosa.
La mostra di Werner Bischof
Werner Bischof
La mostra di Werner Bischof
Werner Bischof Cuzco

La mostra di Werner Bischof a Torino è stata organizzata dalla casa editrice d’arte Silvana Editoriale in collaborazione con Magnum Photos e la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte. La mostra del celebre fotografo svizzero è composta da 105 fotografie in bianconero divise in sette sezioni che sono le seguenti: Zurich 1945, Europe after the war 1945-1950, Japan 1951-1952, Korea 1951-1952, Hong Kong/Indochina 1951-1952, India 1951-1952, North/South America 1953-1954.

Bischof iniziò la sua carriera giovanissimo, a 20 anni aveva già il suo studio e lavorava come fotografo di moda, in seguito ai suoi viaggi nell’Europa post Seconda Guerra mondiale nacque il Bischof fotoreporter che troviamo in mostra a Torino.

La mostra di Werner Bischof la trovate a Palazzo Reale presso la piazzetta Reale 1 a Torino, è visitabile da martedì a domenica dalle 9.30 - 18.30, tranne il lunedì che è chiusa. C’è tempo fino al 16 febbraio 2014.

Foto | Werner Bischof

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: