LEWIS HINE. Costruire una nazione. Geografia umana e ideale.

Operai volanti, bambini che lavorano e strade americane che pullulano, nelle 60 immagini in mostra con LEWIS HINE. Costruire una nazione. Geografia umana e ideale, al Centro Culturale di Milano, dal 20 novembre 2013 al 2 febbraio 2014.

“Se sapessi raccontare una storia con le parole non avrei bisogno di trascinarmi dietro una macchina fotografica”
Lewis Hine

In realtà Lewis Hine, in qualità di insegnante di sociologia della Columbia University e fotografo della National Child Labor Commitee, ha raccontato ben più di una storia. La storia di una nazione e la geografia umana che l'ha edificata, protagonisti di una mostra italiana dedicata a questo padre della fotografia sociale.

La Storia raccontata dagli operai issando i piani dell'Empire State Building con i piedi sullo skyline della New York del 1931, quella arrivata da ogni parte del mondo a Ellis Island, che attraversa le strade della nazione americana con i pacchi in testa e porta i capi imbastiti a domicilio, il meccanico specializzato che misura l’albero di trasmissione, e fabbriche con operai di tutte le età, come la filatrice di 9 anni in un cotonificio del Nord Carolina.


La nazione che raccoglie cotone nei campi con i bambini di cinque anni, scava in una miniera di carbone del West Virginia con quelli che sembrano averne pochi di più, vende giornali a Mezzanotte sul ponte di Brooklyn con giovanissimi strilloni, come quello di 10 anni che calpesta la neve di Marzo nel 1909.

LEWIS HINE - Costruire una nazione - Geografia umana e ideale

Le immagini degli uomini sui grattacieli in costruzione con poca sicurezza, del lavoro minorile, e le vedute sterminate dei quartieri industriali, divenuti gli strumenti coi quali l’America moderna ha promosso le riforme sociali e le nuove leggi in materia di lavoro.

60 stampe originali del padre della fotografia sociale moderna, raccolte dalla collezione di Walter Rosenblum, all'allievo prediletto di Hine e protagonista di spicco della stagione della Photo League americana, per una rassegna curata da Enrica Viganò e ideata da Camillo Fornasieri, che fa parte dell’iniziativa Autunno Americano del Comune di Milano, e si svolge con la partecipazione e il Patrocinio del Consolato Americano di Milano e della American Chamber of Commerce in Italy, di Regione Lombardia e di IES Abroad, che realizzerà con i suoi studenti universitari americani a Milano le visite guidate in lingua inglese.

LEWIS HINE - Costruire una nazione - Geografia umana e ideale

Una mostra fotografica impreziosita da L’America di Lewis Hine, il film di Nina Rosenblum e Daniel Allentuck (Dedalus Production), proiettato alle pre 21 di mercoledì 27 novembre 2013, nella “Sala Sironi” del Palazzo dell’Informazione (piazza Cavour 2; MM3 Montenapoleone), dove si potrà ammirare anche il grande mosaico di Sironi del 1931.

Lo stesso anno in cui termina la costruzione dell’Empire State Building, di cui Hine fu il fotografo ufficiale, immortalando i suoi operati sospesi ad altezze vertiginose da un uno speciale cesto costruito per lui e correndo gli stessi rischi a cui erano sottoposti gli operai, tanto che nel settantennio di anonimato di Charles Clyde Ebbets, gli hanno in qualche caso anche attribuito la paternità della celebre pausa pranzo di Lunch atop a Skyscraper.

LEWIS HINE - Costruire una nazione - Geografia umana e ideale

LEWIS HINE. Costruire una nazione. Geografia umana e ideale, resterà in mostra al CMC - Centro Culturale di Milano (via Zebedia 2), da mercoledì 20 Novembre 2013 a Domenica 2 Febbraio 2014, ad ingresso gratuito, da lunedì a venerdì, 10-13 / 15-18, sabato e domenica, 16-20. (informazioni, prenotazioni e visite guidate, tel. +39 02 86455162)

Via | Clp

  • shares
  • Mail