A New York con 41 foto e 41 megapixel del Nokia Lumia 1020

Un viaggio di due miglia lungo la più famosa strada di New York in poco meno di 52 secondi, con i 41 megapixel del Nokia Lumia 1020 per 41 foto utilizzate da Paul Trillo.

L'avvento degli smartphone di ultima generazione nel quotidiano professionale di ogni genere di fotografo, non sorprende più di quanto non lo faccia trovarsi al cospetto di sguardi e obiettivi capaci di tirare fuori del buono da qualsiasi cosa, e altri che non vedrebbero l'ovvio neanche disponendo degli apparati sofisticati, proibitivi per la maggior parte di noi.

A questo proposito il sensore da 41 megapixel, l'ottica ZEISS e lo stabilizzatore ottico delle immagini in dotazione al Nokia Lumia 1020, non lesina applicazioni e sperimentazioni sorprendenti, come quelle già condivide da Stephen Alvarez con il suo recente servizio fotografico realizzato per il National Geographic, viaggiando leggero attraverso il Perù, le giungle del Suriname, la foresta pluviale della Costa Rica, le cave del Borneo, in Messico, Belize, Papua Nuova Guinea, Canada e Stati Uniti.

Un utilizzo apprezzabile della versatile fotocamera, che il filmmaker Paul Trillo ha trasformato per Nokia nello strumento ideale per un viaggio ipnotico attraverso le strade e la notte newyorkese, sino al sorgere del sole di NY 41×41, dove le iniziali che designano la localizzazione geografica della grande mela, sono seguite dai 41 megapixel del Nokia Lumia 1020, messi alla prova con le potenzialità della fotocamera e dello zoom digitale nelle 41 fotografie utilizzate.

Un viaggio di due miglia lungo la più famosa strada di New York in poco meno di 52 secondi, che non utilizza la “registrazione video” ma 41 singoli frame di immagine, ingranditi e cuciti insieme, pronti a regalare allo sguardo un vertiginoso effetto zoom che attraversa la 5th Avenue di Manhattan e la notte, esplorando punti di vista differenti sulle potenzialità del mezzo che dispone di parecchi controlli manuali, dal bilanciamento del bianco all'esposizione, da sbirciare anche nel The making of a seguire.

  • shares
  • Mail