Gilles Caron: il conflitto come dimensione interiore

La lotta intestina del reporter di guerra contro se stesso.

Più di 500 reportage in soli cinque anni, gli inizi di una carriera ricca e folgorante, quella di Gilles Caron, giovane fotoreporter francese scomparso prematuramente a soli trentadue anni. Nella sua l'opera esplode quella cuspide che annuncia la crisi nascente del foto-giornalismo, la sua coscienza infelice, che lotta contro le basi stesse del mestiere cercando di giustificare e di scavare un solco nella sabbia bagnata del senso - resistenza - libertà: i tre grandi fari della sua breve, ma intensa esistenza, portati avanti tutta con un coraggio poco comune ed iscritti in immagini che raccontano mille storie catturate con l'obiettivo in mano attraverso il mondo. La tragedia del conflitto si fa intima, aborra i segni del linguaggio espressionista e ritrova la dimensione sottile delle emozioni taciute, che traspaiono con tutta la loro carica naturale nei piccoli gesti, inseriti anche nei 100 capolavori della fotografia esposti l'inverno scorso alla BNF di Parigi.

Estremi di una direzione estetica chiara e ben piantata in un afflato teorico ed etico fermo che sposa la narrazione vicina ai fatti, prendendosi l'impegno di raccontare la realtà nel suo portato oltre ogni drammatizzazione strumentale. E' nella lotta costante con questo pericolo sempre imminente che si colloca l'impegno di Caron, un fotografo engagé fino all'estremo limite, nel solco della grande tradizione dei reporter di guerra già solcata da Capa e affrontata dal giovanissimo francese con meno clamori, fin nel seno dell'agenzia Gamma fondata con un'altra leggenda come Depardon. I dettagli di questo lacerante conflitto interiore nel film di Séverine Lathuillière, prodotto da Naia Productions in collaborazione con la Fondation Gilles Caron e il Musée de L'Elysée a partire da materiali dell'esposizione "Gilles Caron, le conflit intérieur" (al Musée de l'Elysée di Losanna dal 31.01.2013 al 12.05.2013) su testi di Michel Poivert.

Via | fondationgillescaron.org

  • shares
  • Mail