Mormon Women Bare di Katrina Barker Anderson

Mormon Women Bare è il lavoro di Katrina Barker Anderson che racconta la vita delle donne mormone attraverso gli sguardi e le pose intime e fragili


Katrina Barker Anderson è una fotografa americana che sta portando avanti un progetto davvero interessante, per restituire una nuova immagine alle donne mormoni soffocate da una religione che diventa ogni giorno più rigida e che priva anche delle libertà più semplici e scontate, ad esempio indossare dei semplici jeans. Katrina Barker Anderson ha dato vita al progetto Mormon Women Bare, racconta i corpi, le paure e le costrizioni delle amiche e delle ragazze che seguono la sua stessa religione.

Katrina vive a Salt Lake City nello Utah, uno dei pochi posti in cui la religione mormona è molto diffusa e ben radicata, io devo ammettere di non essere esperta in materia, tutto quello che conosco di questa religione l’ho visto nel telefilm “Big Love” dove chiaramente è tutto molto romanzato ed estremizzato. Ad ogni modo questa religione è molto restrittiva, ci sono tante regole ma credo si possa anche condurre una vita mediamente normale se si abbattono alcuni muri di silenzio e di discriminazione, soprattutto verso le donne.

Per il portfolio Mormon Women Bare, Katrina Barker Anderson ha chiesto alle donne mormone di spogliarsi, di mostrarsi coraggiose, forti e determinate per cambiare alcuni aspetti della loro società, sorprendentemente molte di loro hanno accettato subito e si sono messe a nudo, mostrando tutte le proprie fragilità.

Ecco cosa ha raccontato Katrina:

“Pensavo sarebbe stato difficile convincere le donne mormoni a posare nude e invece hanno accettato in tante per dare una scrollata a una chiesa che sta diventando troppo rigida. La forza di questi scatti e il coraggio delle donne forse riuscirà a cambiare qualcosa nella nostra società. A spingermi sono state alcune testimonianze raccolte recentemente: una bambina è stata criticata aspramente per aver indossato una gonna senza collant, poi una studentessa non è stata ammessa a un esame perché indossava jeans aderenti, infine un giornale della Chiesa ha photoshoppato i dipinti di Carl Heinrich Bloch, pittore danese del 1800, rimuovendo le ali ai suoi angeli e coprendo le loro nudità. Insomma stiamo esagerando e così ho deciso di agire con il supporto di mio marito".

Quando a spogliarsi sono le donne “normali” tutto assume un ulteriore valore aggiunto perché si tratta di un gesto coraggioso, che sfida i canoni di perfezione che la società ci impone, soprattutto se si è donne. Katrina ha aggiunto:

"Siamo bombardati da immagini di donne magre e corpi perfetti al punto che ci sentiamo in colpa quando non rientriamo in quei canoni estetici. Vedere delle donne normali (la religione mormone impone di non "trasformare" il proprio corpo) con i loro segni e difetti può aiutare molte donne a sentirsi meglio nel proprio corpo”.

Le fotografie le potete trovare sul sito dedicato al progetto, io credo che al di la della scelta stilistica del nudo - che non quanto aggiunga al concetto - sia un bellissimo lavoro e speriamo contribuisca a cambiare qualcosa tra i mormoni.

Foto | Katrina Barker Anderson
Fonte | repubblica

  • shares
  • Mail