Lettere Antiche di Grazia Musumeci, ricordare l'amore

Lettere Antiche è il portfolio intimo e romantico realizzato dalla giovane fotografa acese Grazia Musumeci, un reportage sull'amore dei suoi genitori

Lettere Antiche

Lettere Antiche di Grazia Musumeci è un portfolio intimo e personale che l’autrice costruisce durante la quotidianità della sua vita familiare. I protagonisti sono Aurora e Rosario che, dopo tantissimi anni di matrimonio e di vita insieme, decidono di mettere a posto le lettere che si scambiavano da ragazzi, quando erano fidanzati e affidavano alle parole i loro sogni e le loro speranze.

Un lavoro intimo e delicato, un portfolio genuino nato in modo spontaneo e quasi casuale, l’autrice ha fotografato i genitori mentre sistemavano, ordinavano e rileggevano insieme le loro lettere, a distanza di quasi 50 anni, a volte soli e altre insieme alla nipotina. Nulla è stato costruito, momenti speciali e unici racchiusi tra le mura domestiche e che grazie all’autrice resteranno sempre vivi nei ricordi, insieme alle lettere conservate in un prezioso cassetto.

Lettere Antiche

Questo lavoro è stato esposto alla Galleria D’Arte Moderna di Paternò in occasione di una manifestazione organizzata dal Gruppo Fotografico Le Gru di Valverde a ottobre 2013. Poche settimane più tardi è stata l’opera prima classificata della manifestazione Scatti Mediterranei 2013, il 46esimo incontro d'arte fotografica organizzato dal Cine Foto Club Vanni Andreoni.

Il tempo scorre inesorabile e si porta via tante cose, ma certe volte - quando si è veramente fortunati – regala sentimenti e persone destinate a restare con noi per sempre.

“Scrivi, ti prego.
Due righe sole, almeno, anche se l'animo è sconvolto e i nervi non tengono più. Ma ogni giorno. A denti stretti, magari delle cretinate senza senso, ma scrivi. Lo scrivere è una delle più ridicole e patetiche nostre illusioni. […] Scrivi, scrivi. Alla fine, fra tonnellate di carta da buttare via, una riga si potrà salvare. (Forse)”.
Dino Buzzati, “Siamo spiacenti di”, 1975

Foto | Grazia Musumeci (usate con il permesso dell'autrice)

  • shares
  • Mail